Quali differenze tra Ebay ed Amazon? Quale marketplace scegliere per il tuo e-commerce? Scopri in questo articolo i pro e i contro dei due giganti dello shopping online, ed uno strumento per ottenere il massimo dalla gestione congiunta di entrambi!

amzon-vs-ebay

Amazon

Nata come la grande libreria del web oggi permette di trovare di tutto, dall’abbigliamento all’elettronica attraverso semplici pagamenti online usando una carta di credito (o prepagata, tipo PostePay).

Quello che dovrete fare è selezionare i prodotti che volete portarvi a casa e inserirli nel carrello.

Esistono due tipologie di prodotti in vendita, i prodotti di Amazon e quelli di terzi.

I primi sono prodotti “ultra garantiti”, (acquistando questi infatti avrete tempi di spedizione generalmente sui 3-4 giorni, che nel caso degli utenti Amazon Prime diventano 1-2 giorni lavorativi).

Gli store di terze parti invece sono clienti esterni (negozi o le stesse società produttrice) che usano la vetrina del grande sito Amazon per vendere i loro prodotti.

eBay

eBay invece nasce come sito di aste online, dove gli utenti mettevano i loro prodotti usati in vendita e aspettavano le offerte degli acquirenti per cedere al miglior prezzo.

Ad oggi possiede due principali metodologie di vendita, la vendita con asta e quella a prezzo fisso. Esistono inoltre possibilità di avere un prezzo minimo di riserva o di fare offerte al ribasso.

Le vendite vengono effettuate da persone comuni che mettono inserzioni sui loro prodotti oppure da negozi online, che lavorano attraverso l’uso del sito.

Il pagamento anche per eBay avviene usando i servizi di carta di credito o preferibilmente Paypal.

Paypal permette di fare acquisti tracciabili in modo sicuro e permette in caso di problemi di aprire una procedura per il rimborso di quanto pagato.

La spedizione è scelta dal venditore e dal cliente, i tempi per gli acquisti sul territorio nazionale sono di circa 3-4 giorni lavorativi.

Amazon ed eBay: Fattori chiave

amazon-vs-ebay

 

Di seguito sono analizzate nel dettaglio le singole voci viste sopra.

Formato di vendita: Asta o Prezzo Fisso

eBay predilige la vendita all’asta. Amazon punta solo sul prezzo fisso.

Per i prodotti legati al collezionismo e per i pezzi unici ed irripetibili, l’asta è forse il sistema migliore.

Amazon è in una posizione decisamente dominante per i prodotti a prezzo fisso.

Foto

I venditori eBay hanno la possibilità di lavorare molto con le foto, scattarle, ottimizzarle, e personalizzarle secondo le loro esigenze.

In Amazon le foto sono predefinite, con la stessa foto si identifica uno specifico prodotto anche se proveniente da fornitori diversi. Ad esempio per un Iphone 7 nero, la foto sarà sempre la stessa per ogni venditore.

Community

Il cliente di Amazon si aspetta un grande servizio e si fida molto del venditore.

Amazon è stato in grado di creare un luogo dove lo scambio tra venditore e compratore avviene in completa armonia senza pensieri e preoccupazioni.

I clienti lo hanno percepito alla grande e il ritorno in termini di community è più che positivo!

Per quanto riguarda eBay invece gli scambi avvengono ancora in un aria un po’ “conflittuale” tra venditore e compratore, lasciando sprazzi di incertezza.

Come gestiscono il Feedback Amazon ed eBay?

Partendo da Amazon è ben evidente come i feedback siano sui prodotti in vendita, i clienti possono recensire con un voto da 1 a 5 stelle il prodotto acquistato scrivendo nel dettaglio quali siano i pro e i contro.

Invece per quanto riguarda eBay il feedback è sul venditore, viene chiesto ai clienti alla fine di ogni transazione (a prodotto ricevuto) di valutare l’affidabilità del venditore e la corrispondenza del prodotto alla descrizione.

Queste valutazioni sono effettuate dal sito in termini percentuali. Un feedback pari al 99%  sta ad indicare che il venditore ha un livello di affidabilità molto elevato. Maggiore è il numero di oggetti venduti maggiore sarà l’importanza di questo valore. Tuttavia la politica di feedback di eBay abbassa notevolmente un venditore che ha ricevuto feedback negativi.

Questo genera preoccupazione per il venditore e una paura nell’acquisto da parte dei clienti la dove il feedback presenta pochi aspetti negativi.

Il linea generale anche dal punto di vista del feedback Amazon risulta in vantaggio.

Gestione del reso

La gestione del reso in Amazon ed eBay è trattata diversamente, con diverse conseguenze per i clienti.

Il sistema di garanzia di Amazon, impone il diritto di recesso per 90 giorni e vale anche in caso di prodotto non conforme alla descrizione. Poiché le transazioni passano attraverso Amazon e la questione sta nelle norme contrattuali, non c’è modo di sottrarsi.

Il venditore eBay deve invece combattere una disputa con il cliente che potrebbe tradursi in un feedback negativo. Se il pagamento è avvenuto con PayPal si apre anche una disputa con PayPal che agisce in recesso sul venditore.

Diciamo che su Amazon il cliente ha sempre ragione immediatamente, su eBay il cliente ha ragione ma la soluzione si trascina nel tempo. Vista con l’occhio del cliente Amazon è migliore.

Business

Per chi vuole avvalersi di Amazon od eBay per aumentare le proprie vendite avrà sicuramente un grattacapo, ovvero spedire la merce.

Amazon in questo è migliore, poiché offre il servizio FBA cioè “Fulfillment by Amazon” che supporta i venditori nel gestire il loro inventario, la parte di magazzino, le spedizioni ed il servizio clienti.

Alternativamente è possibile farlo in modo indipendente da Amazon gestendo direttamente l’intero processo.

In termini di identificazione del proprio brand eBay è sicuramente migliore dato che permette di personalizzarlo a nostro piacimento, a differenza di Amazon che ne prevede solo l’esposizione.

Tariffe

Ci sono due tipologie di venditori su Amazon: Individuali e Pro. Amazon offre diversi tipi di iscrizione per adattarsi alla necessità concrete di ogni venditore.

Distinguendo soggetti che fanno meno di 40 vendite al mese, per cui non vi è nessun costo mensile, ma vi è una commissione di chiusura fissa per ogni articolo venduto di 0,99€.

Mentre per i soggetti che hanno più di 40 vendite mensili, avranno una quota mensile di 39,00 €, ma nessuna commissione sugli articoli venduti.

eBay distingue due categorie di venditori, ovvero venditori senza negozio e con negozio.
 
Nella prima categoria non sono previste tariffe mensili per coloro che non superano le 50 inserzioni, tuttavia è richiesta una tariffa di inserzione di 0,35 € ad articolo, in caso di superamento della soglia massima.
 
Per i venditori con negozio invece è prevista una quota mensile di 19,95 € con limite di 100 inserzioni, in caso di superamento del limite è prevista una commissione di 0,15 € per inserzione.
Per Entrambi i marketplace, ci sono ulteriori account PRO, che non saranno specificati in quesa sede.

In sintesi se abbiamo grossi volumi di vendita Amazon è sicuramente il migliore, per piccoli venditori, o per chi è alle prime esperienze converrà eBay.

In conclusione cosa scegliere tra Amazon ed eBay??

La risposta più corretta è dipende!

Innanzitutto dipende dalla tipologia di prodotto che stai cercando, se cerchi prodotti particolari o da collezione eBay è il luogo adatto, se cerchi altre tipologie di prodotti, “più ordinarie” Amazon è sicuramente preferibile.

Da un punto di vista di garanzie, Amazon ne offre sicuramente di più, e probabilmente anche i servizi di spedizione saranno più rapidi ed efficienti.

Uno dei difetti di Amazon potrebbe essere nel prezzo, su eBay avrai una maggiore possibilità di trovare un prezzo più basso, ma dovrai prestare molta attenzione alla scelta del venditore onde evitare truffe, guardando bene i feedback.

Altro difetto di Amazon si nota principalmente nei prodotti usati ed è il problema delle foto, come abbiamo già detto le foto in Amazon non sono caricate dal venditore, ma le deve scegliere tra quelle prestabilite per quel prodotto.

In linea generale, noi di ShippyPro consigliamo di utilizzare entrambe le piattaforme per diverse vendite e per aumentare il proprio fatturato sfruttando il meglio di Amazon e Ebay.

risparmia sulle spedizioni